Blocchiamo la chiusura dei presidi sanitari di Pontremoli e Fivizzano

23 Ott2018
Preview Articolo

IMG_6957Sarebbe un danno gravissimo per una popolazione di 60mila persone in Lunigiana. Per questo sono state raccolte 4mila firme per scongiurare la chiusura dei presidi sanitari di Pontremoli e Fivizzano che sono stati progressivamente depotenziati nel corso degli anni. I servizi alla cittadinanza sono stati letteralmente dimezzati, un problema sentito soprattutto da anziani, bambini, e residenti delle frazioni montane. Le strutture non sono mai state adeguate, e c’è una mancanza clamorosa di medici e infermieri. Porteremo il caso all’attenzione del Consiglio regionale”. E’ quello che ho dichiarato oggi con la responsabile per la Lunigiana di Fratelli d’Italia, Emanuela Buasetto.

I capigruppo si sono accordati per portare una mozione alla Giunta regionale e far ascoltare i comitati territoriali in Commissione sanità.

IMG_6951I presidi sanitari di Pontremoli e Fivizzano sono a rischio chiusura nel marzo 2020. Una delibera Asl sancisce per quella data la fine dell’unità complessa di chirurgia di Pontremoli e questo significherebbe rendere il presidio un day surgery: niente anestesia, niente emergenze vere trattate h24. I due presidi registrano oltre 10mila accessi l’anno.

ALTRE NEWS

29 Mag
Martedì 4 Giugno ore 18 presso Giardino Corsini via della Scala n.15 a Firenze, incontro con il Ministro Nordio

Il Ministro della Giustizia Nordio martedì 4 giugno alle ore 18 sarà a Firenze presso Giardino Corsini per illustrare la riforma della… Leggi Tutto

15 Apr
DIFENDI IL TUO QUARTIERE: NO ALLA DESERTIFICAZIONE. GIU’ LE MANI DA CAMPO DI MARTE. CAMBIARE IL PROGETTO DELLA TRAMVIA SI PUO’

Nel 2019, quando ero in consiglio regionale, lanciai la petizione  “Difendoilmioquartiere.it” No alla desertificazione di Firenze. Oggi più che mai con forza… Leggi Tutto

23 Giu
DECRETO LAVORO: via libera al Senato. Ecco le novità in sintesi

Il decreto Lavoro, licenziato lo scorso primo maggio dal Consiglio dei Ministri, ha avuto il via libera a Senato, adesso passa alla… Leggi Tutto