FORTEZZA DA BASSO: in commissione controllo parlano i Dirigenti

24 Feb2015
Preview Articolo

Operazione Fortezza. Rossi ha già pagato e non è proprietario di nulla. In questa operazione Rossi è stato:il bancomat di Comune di Firenze e Provincia

Si è conclusa  la commissione di Controllo presieduta dal presidente Paolo Marcheschi che oggi ha convocato una seduta ad hoc urgente per fare chiarezza, dopo le novità emerse dalle disposizioni della procura di Firenze, sulla vicenda FORTEZZA DA BASSO. In commissione a rispondere alle domande dei commissari, la dirigente Carla Donati del settore bilancio e Angela Di Ciommo del settore patrimonio.

“ La vicenda immobiliare della Fortezza ormai è tristemente nota – dichiara Marcheschi – proprio oggi stando a quanto emerso in commissione si apprende che nonostante la Regione abbia già pagato ben 28 milioni di euro non è ancora proprietaria della Fortezza (come concordato di  1/3 insieme a Provincia e Comune di Firenze) e, becca e bastonata, dovrà pagare anche per il totale 39% le spese di abbattimento dei due padiglioni che a breve verranno abbattuti. Per quanto riguarda il primo punto,  i dirigenti hanno spiegato che la Regione per risparmiare sulle spese del notaio, preferisce fare tutto in un atto unico alla fine del pagamento totale dei 38 MILIONI E 500 MILA euro, non proprio saggio a nostro avviso, ma tecnicamente corretto. Per il secondo punto invece, la Procura di Firenze ha disposto l’abbattimento entro il 30 marzo il padiglione Rondino ed entro il 31 luglio quello delle Ghiaie. I lavori di abbattimento saranno a carico di Firenze Fiera, società partecipata dalla Regione Toscana per il 39% . Costi che sarebbero dovuti essere ripartiti tra Comune di Firenze e Provincia di Firenze se queste avesse onorato l’impegno di acquisto e pagamento delle quote, ma così non è. Nella  delibera regionale  n.1018 del 29-11-2009, si disponeva infatti che  il Comune di Firenze e la Provincia di Firenze acquistassero rispettivamente  dalla Regione il 7,56% ciascuno delle quote di Firenze Fiera, per il valore ciascuno di 1.639.226 MILIONI di euro di Firenze Fiera spa, 3 MILIONI e 200 MILA euro mai entrati nella casse della Regione Toscana. Perché non hanno onorato l’impegno? Il Presidente Rossi ci deve spiegare se è stata imperizia da parte degli uffici non esigerli, oppure se è cambiata la volontà politica di qualcuno dei soggetti. Inoltre considerato che Firenze Fiera è una società in perdita, quanto è costato alle casse della Regione Toscana questa non ripartizione delle quote? Un conto è avere 39% di una società con i bilancio in Rosso, diverso è avere il 7%. Alla risposta se sia cambiata la volontà politica sull’accordo, i dirigenti hanno tergiversato.
Viene da pensare che il Comune e la Provincia si siano guardati bene, di acquistare quote di una società con i bilanci in rosso come Firenze Fiera, ma in cambio hanno già incassato dalla Regione Toscana: il COMUNE DI FIRENZE ha riscosso due tranche delle 4 previste dall’accordo sulla proprietà della Fortezza cioè 15 milioni di euro (complessivamente 25.137.611 MILIONI)  e la PROVINCIA DI FIRENZE oltre 13.362.490 MILIONI (vedi tabella qui sotto).