Il caso Pini di Piazza della Vittoria portato in Regione

08 Ago2019
piazza della vittoria pini

Mozione in Regione per salvaguardia patrimonio arboreo 

La Direzione Ambiente della Regione Toscana in collaborazione con il CNR , Usl Toscana Centro ed altri istituti di ricerca hanno redatto, nel 2018,  le “Linee guida per la messa a dimora nei Comuni toscani specifiche specie arboree per  l’assorbimento di biossido di azoto, materiale particolato fine e ozono”.

In materia di urbanistica, infatti, il Piano regionale dell’aria prevede la redazione di linee guida quale strumento di indirizzo per i Comuni toscani. Per privilegiare la messa a dimora di specifiche specie arboree, piuttosto di altre, che abbiano la capacità di assorbire inquinanti. I comuni, come Firenze, soggetti al’elaborazione ed approvazione dei piani dei Piani di azione Comunali dovranno necessariamente far riferimento a questa classificazione per la criticità del biossido di ozono e delle PM 10.

Il caso di Piazza della Vittoria a Firenze ci offre lo spunto per affrontare l’importanza di tutelare il verde esistente nelle nostre città per salvaguardare la qualità dell’aria. Ai Comuni deve passare il messaggio che tagliare alberi adulti, catalogati come polmoni verdi, mette repentaglio la salute di tutti noi. Al Comune di Firenze che i pini di Piazza della Vittoria non si toccano.

La Regione intervenga

Ultimamente, in particolare a Firenze, abbiamo assistito a un taglio indiscriminato di piante sia nei nostri viali sia  nelle piazze. Nel caso specifico di Piazza della Vittoria, non si è ben compreso le motivazioni per cui il Comune di Firenze, basandosi tra l’altro su una perizia di un tecnico diverso da quello incaricato dallo stesso Comune, si sia ostinato a tagliare i pini adulti. L’idea del comune è sostituire i pini presenti con altri, per i quali non abbiamo ancora compreso la specie.

I pini che il Comune ha deciso di tagliare, misteriosamente classificati in classe pericolosa, cioè D (visto che c’è un’altra perizia che li colloca in classe B), sono della specie Pino Pinae. Questa specie, secondo le linee guida, fanno parte di quella specie di piante che assorbono, molto più di altre specie, l’ossido di azoto e le Pm 10. Tagliarle significherebbe togliere un polmone verde alla nostra città.

Chiedo alla Regione di intervenire, anche tramite Arpat, affinchè si monitori sul rispetto delle linee guida da parte di tutti i Comuni toscani. Affinché non siano semplici prescrizioni, ma diventino un obbligo per i Comuni di tutela del patrimonio arboreo esistente.

Comitato di Piazza della Vittoria

Lunedì prossimo, il Comune di Firenze incontrerà il Comitato di Piazza della Vittoria. Ho deciso di non partecipare perché onestamente sono a favore della cittadinanza attiva e non voglio che il percorso partecipativo dei cittadini venga inquinato da strumentalizzazione politiche.

Ci tengo a precisare però che, nel merito di Piazza della Vittoria, sono favorevole alla riqualificazione, o restyling, della piazza a condizione che:

–          Il Comune lo faccia ascoltando le reali esigenze dei residenti;

–          Si garantisca l’ombra e le sedute necessarie per renderla vivibile tutto l’anno;

–         Venga messo a disposizione un servizio igienico adeguato

–          Si garantisca la manutenzione regolare del verde e delle piante.

Propongo che il Comune di Firenze, se non ha sufficienti risorse e/o giardinieri per la manutenzione del verde,  si apra ad esperienze nuove di co-gestione delle aree pubbliche. Attivando i comitati di cittadini già attivi. Infine, mi auguro che lunedì, i rappresentanti che parteciperanno all’incontro con i cittadini li ascoltino veramente e non li prendano in giro, come mi sembra abbiano già fatto facendo promesse vane.

ALTRE NEWS

05 Ago
DELEGA FISCALE APPROVATA IN VIA DEFINITIVA IN PARLAMENTO: COSA CAMBIERA’

Il disegno di legge per la riforma fiscale è legge. Il via libera definitivo è arrivato dall’aula della Camera. La delega fiscale… Leggi Tutto

15 Mar
TRAMVIA: RINVIATI A GIUDIZIO I VERTICI FRANCESI GEST PER FALSO IN BILANCIO. MARCHESCHI: NECESSARIO ACCERTARE SE I FIORENTINI SIANO STATI TRUFFATI

“Vertici tramvia a processo per falso in bilancio, ora bloccare i progetti delle nuove linee “ “I capi di imputazione a carico… Leggi Tutto

17 Giu
Verona opera nel futuro
VERONA, CONVEGNO SUL RILANCIO E PROMOZIONE DEL SISTEMA ITALIANO DELLA LIRICA. IL CASO DEL MAGGIO FIORENTINO

Oggi, sabato 17 giugno 2023, sono intervenuto  a Verona al convegno “L’OPERA NEL FUTURO” promosso dal Sottosegretario alla cultura, Gianmarco Mazzi e… Leggi Tutto