La Regione non può lesinare i contributi ai disabili. Il diritto ad una vita indipendente non può essere ridotto ad elemosina

20 Nov2018

La Giunta regionale deve farsi carico dei disabili gravi che hanno diritto ad una vita indipendente. La Regione non può lesinare 100 euro in più, i diritti non possono essere ridotti ad elemosinaAlmeno 200 persone sono ancora in attesa di ricevere il contributo vita indipendente, pur avendone diritto. Per un disabile grave poter avere o non avere il contributo per l’assistenza personale fa la differenza come essere in prigione o in libertà. Gli articoli 2 e 3 della Costituzione stabiliscono che anche i disabili gravi devono poter vivere come tutti gli altri. Questo pomeriggio ho incontrato, insieme ai vari capigruppo consiliari, una cinquantina di disabili dell’“Associazione Vita Indipendente Onlus” e di altre associazioni di portatori di handicap.

Secondo i dati forniti, in un volantino, dall’Associazione, la Regione Toscana stanzia soltanto 9 milioni di euro annui per la vita indipendente e i disabili gravi. Sebbene tale cifra sia assolutamente inadeguata, dal 2014 la Regione non ha mai voluto mettere un euro in più.

Le conseguenze di tutto ciò sono: almeno 200 persone sono ancora in attesa di ricevere il contributo vita indipendente. Rischiano di passare la notte sulla carrozzina o tutto il giorno a letto, non poter andare in bagno, mangiare o bere, la reclusione a domicilio per l’impossibilità di uscire di casa. Per ottenere il contributo vita indipendente, ognuna od ognuno degli almeno 20 disabili gravi, che sono in attesa in graduatoria, deve aspettare che muoia una persona che già lo riceve. Gli importi erogati per ogni disabile grave sono così miseri che in realtà si tratta di un aiuto per chi non ha disabilità gravi mentre, con importi così bassi, chi ha bisogno di molta assistenza è lasciato in grandi difficoltà.

L’Associazione chiede l’eliminazione delle liste d’attesa, l’adeguamento degli importi erogati alle necessità degli utenti, la continuazione dell’erogazione del contributo vita indipendente oltre il compimento dei 65 anni di età.

ALTRE NEWS

15 Mar
TRAMVIA: RINVIATI A GIUDIZIO I VERTICI FRANCESI GEST PER FALSO IN BILANCIO. MARCHESCHI: NECESSARIO ACCERTARE SE I FIORENTINI SIANO STATI TRUFFATI

“Vertici tramvia a processo per falso in bilancio, ora bloccare i progetti delle nuove linee “ “I capi di imputazione a carico… Leggi Tutto

15 Apr
DIFENDI IL TUO QUARTIERE: NO ALLA DESERTIFICAZIONE. GIU’ LE MANI DA CAMPO DI MARTE. CAMBIARE IL PROGETTO DELLA TRAMVIA SI PUO’

Nel 2019, quando ero in consiglio regionale, lanciai la petizione  “Difendoilmioquartiere.it” No alla desertificazione di Firenze. Oggi più che mai con forza… Leggi Tutto