La sinistra sotto le macerie di Castello

24 Feb2015

Hanno avuto 10 anni, Domenici e Martini, i due rampolli cresciuti nel periodo del Niet di Ochetto (1989), per riscattare le ipoteche messe sul futuro di Firenze dall’ ex numero 1 del Pci. Ma hanno sbagliato tutto ciò che si poteva sbagliare.
Una lunga serie di opere pubbliche inutili e costose caratterizzano i loro due mandati politici arrivati ormai a fine corsa.
Alla luce però dei nuovi eventi su Castello emerge un tira e molla, un continuo gioco delle parti tra Comune-Provincia-Regione che mette in evidenza un potere, una forma, uno stile di rapporti tra scelte politiche e interessi privati dove è legittimo chiedersi, se tutti gli errori fatti in materia di urbanistica siano solo il frutto di incompetenza e inadeguatezza di una classe dirigente oppure il frutto di altre volontà distanti dagli interessi pubblici.

ALTRE NEWS

17 Giu
Verona opera nel futuro
VERONA, CONVEGNO SUL RILANCIO E PROMOZIONE DEL SISTEMA ITALIANO DELLA LIRICA. IL CASO DEL MAGGIO FIORENTINO

Oggi, sabato 17 giugno 2023, sono intervenuto  a Verona al convegno “L’OPERA NEL FUTURO” promosso dal Sottosegretario alla cultura, Gianmarco Mazzi e… Leggi Tutto

19 Apr
insegna comitato elettorale via marconi
VIENI A TROVARCI AL COMITATO IN VIA MARCONI 19 (angolo Via Duprè): SABATO 20 APRILE DALLE 17.30 L’APERTURA CON EIKE SCHIMDT

In via Marconi, nel cuore di Campo di Marte, da oggi sabato 20 aprile apre uno dei comitati elettorali che saranno presenti… Leggi Tutto

16 Mar
IL SENATO CELEBRA GIOVANNI DA VERRAZZANO: IL NAVIGATORE FIORENTINO SCOPRITORE DELLA BAIA DI NEWYORK

Quest’anno ricorrono 500 anni dalla scoperta della baia di NewYork.  In pochi sanno, che la scoperta si deve ad un nobile fiorentino,… Leggi Tutto