Sanità toscana, nomine dei mega Direttori Generali: metodi Giunta Rossi non sono aperti e trasparenti

05 Ott2018

troni sanità toscanaDopo aver illustrato, con un video ad effetto, il gioco delle poltrone delle figure apicali della Sanità Toscana, ribadisco con forza che i metodi del Presidente Rossi e dell’assessore Saccardi non sono né aperti né trasparenti, come invece imporrebbe la norma nazionale.

Ho già dimostrato come negli anni i Direttori delle Asl toscane e dei mega dirigenti della Sanità siano sempre state le stesse persone, scelte per fedeltà politica al duo Rossi-Saccardi. Adesso che una legge nazionale impone, per queste nomine apicali, di allentare il vincolo fra politica e gestione della sanità sarebbe stato lecito attendersi finalmente un segnale d’apertura verso professionalità “esterne” magari anche di altre regioni, che in questi anni sono state “respinte” dal sistema di potere toscano.

Anche stavolta, però, la Sinistra non molla. Fatta la legge, trovato l’inganno. La Toscana ha trovato il modo di blindarsi ancora nominando soggetti interni al “al cerchio magico”. La Commissione, che sceglierà la rosa dei Direttori Generali da sottoporre alla nomina di Rossi, infatti è composta da due interni: un Dirigente della Struttura Regionale fedelissimo della Calamai, e da un membro dell’Istituto di S.Anna di Pisa che come noto è l’Istituto sovvenzionato dalla Regione Toscana per formare i propri dirigenti. Almeno uno è di nomina Ministeriale (Agenas) ma è certo che appare in evidente minoranza. Ho dunque presentato un’interrogazione per verificare se non si configuri l’ipotesi della violazione della norma che impone “indipendenza” (Dlgls.171/2016) e di “conflitto di interessi”.

L’Istituto S.Anna può essere definito indipendente? E’ un istituto che solo negli ultimi anni ha un accordo di collaborazione e ha percepito 1,6 mln di euro dalla stessa Regione Toscana. E come potrà il membro del S.Anna giudicare migliori, i Dirigenti provenienti da altre scuole di formazione? La Dirigente del S.Anna si troverà a fare i colloqui con alcuni dei suoi Dirigenti “studenti” e mi risulta difficile immaginare che saranno bocciati proprio dall’Istituto che è pagato per certificare la professionalità. E come potrà il fedelissimo della Calamai e Rossi (dipendente Asl portato dalla Calamai stessa in Regione) giudicare con imparzialità e distacco colui che potrebbe essere un domani il suo futuro capo? Saranno comunque le ultime nomine perché il 2020 si avvicina e finalmente in Toscana, insieme al cambio del Governo, si libereranno energie e avrà spazio il merito.

ALTRE NEWS

25 Set
Lezione a Firenze della Fondazione Veronesi sull'eduzcazione alla Salute
RAGAZZI E SALUTE: l’istituto dei padri Scolopi di Firenze selezionato a livello nazionale per road show della Fondazione Veronesi

  Il Senatore Paolo Marcheschi della Commissione Cultura e Istruzione del Senato, insieme a un rappresentante di Fondazione Umberto Veronesi, ha incontrato… Leggi Tutto

06 Giu
TRAMVIA CAMPO DI MARTE A FIRENZE: Guarda qui l’idea progettuale alternativa al progetto tramviario del Centro Sinistra

Presentata oggi, l’idea progettuale alternativa al progetto tramviario presentato dal centro sinistra fiorentino a Campo di Marte. L’idea del centro destra è… Leggi Tutto